lunedì 11 dicembre 2017

Ponente Film Festival 2017

La 13^ edizione del Festival Cinematografico itinerante si svolge tra Ventimiglia e Sanremo



Comunicato stampa
Ponente International Film Festival.
Continua, la passione per un certo cinema”...
Prosegue anche questanno (e sono tredici!) il percorso itinerante nel Ponente Ligure del Festival Cinematografico che ne prende orgogliosamente il nome, organizzato dalla Decima Musa in una doppia location e nuovi luoghi per cercare di raggiungere il territorio con la capillarità che da sempre è prioritaria. Oltre alle già collaudate sale della Federazione Operaia e del Teatro del Casinò, che alla diffusione culturale hanno sempre dato grande importanza, a Sanremo si aggiungerà la Cattedrale di San Siro, prezioso scenario per un concerto natalizio del Coro Polifonico di Ventimiglia, mentre loratorio di SantAgostino, nato con la stessa vocazione nella Città di confine, accoglierà le proiezioni e il concerto inaugurale dellOrchestra Filarmonica Giovanile di Ventimiglia.
Diffondere bellezza è quello che si propone, nel suo piccolo, il Festival, in questa veste prenatalizia particolarmente ricco di film interessanti, eventi speciali e incontri, con qualche pausa golosa e, come sempre, a ingresso libero.
Il titolo prescelto è Creature Grandi e Piccole, ispirato al libro di James Herriot: un certain regard ai rapporti tra bambini e adulti, con gli amici animali, con le varie diversità, in un mondo che non esita a stigmatizzarle. Un filone dalle infinite sfumature e pieno di amore, tenerezza e spunti di riflessione.
Un certo cinema, che arriva al pubblico attraverso le selezioni dei Festival Italiani e Internazionali, curato da autori affermati ma soprattutto nuovi, dediti al racconto di storie affascinanti, al di là dei confini territoriali e culturali, per profondità, poesia e ironia.
Un cinema che la Decima Musa ha scelto di dedicare in particolare ai bambini e ai giovani adulti, per coltivare in loro il piacere della Settima Arte e dellespressione del pensiero, in particolare con il concorso Critici in erba, frutto della collaborazione con insegnanti e studenti delle scuole medie locali.
Recita un proverbio africano La Terra su cui viviamo non labbiamo ereditata ma presa in prestito dai nostri figli. In questa ottica è indispensabile che adulti e ragazzi trovino un punto di contatto, che ogni essere umano sappia quanto i fratelli minori, gli animali, siano preziosi, che sussista il desiderio di preservare le tradizioni adattandole al presente ma soprattutto al futuro. Storie da raccontare ce ne sono tante... e altrettanti personaggi.
Come Alessandro, trasteverino irrequieto e un poignorante che, in Tutto quello che vuoi, si trova suo malgrado a “badare” a un anziano e distinto poeta, scoprendo un inatteso tesoro. Come Marwann, giovane tunisino di Parigi, protagonista di Ma révolution, eroe per caso e per amore, in cerca d’identità e del futuro. O Conor, teenager ribelle che affida alla musica, alla tenacia e a due begli occhi il riscatto della sua vita, in Sing Street. Oppure Oskar, geniale ragazzino che non si rassegna alla perdita del padre, morto nel crollo delle Torri Gemelle, e a modo suo cerca un modo per continuare a sperare, in Molto forte, incredibilmente vicino. O Pakis, la piccola protagonista di The Mirror Never Lies, che si aggrappa al sogno di rivedere il volto del padre disperso in mare in uno specchio magico...
Bambini, ragazzi, adulti che provano a cambiare il mondo salvando la natura e gli animali, come gli animali spesso salvano luomo.
Succede, ad esempio, nella favola vera di A spasso con Bob, o nellaltrettanto poetico Il mio amico Nanuk, nel piccolo capolavoro di animazione dalle sfumature un po’  “noir, Un gatto a Parigi, in cui un felino malandrino dalla doppia vita intreccia e ricompone tre destini umani un podisastrati, e nella storia delicata e forte che viene dallEtiopia, Lamb, in cui Ephraim farà di tutto per salvare dal sacrifico il suo agnellino. 

Si parlerà anche di scontri generazionali e di crescita, grazie a esperienze condivise. Come nella storia vera di Aishoplan, protagonista dello straordinario docu-film La principessa e laquila, che racconta il rapporto tra un padre e una figlia, e le fasi di apprendimento di unarte antichissima tradizionalmente proibita alle donne.
O di una difficile relazione fra nonno e nipote, come nella storia di Paikea, La ragazza delle balene, che con amorevole ostinazione dimostrerà di essere allaltezza di guidare il suo popolo.
E sempre in questa ottica si colloca la selezione di cortometraggi che arricchirà il programma.
Una parentesi in cui lasciare spazio ad alcune piccole, grandi opere internazionali, come la splendida storia di riscatto raccontata nel sudanese Nyerkuk, o quella di Abush, bambino di strada affamato, pronto ad aiutare la comunità e a proteggere la natura finché non perde la moneta che faticosamente si era guadagnato nelletiope Lezare, il divertente KanyeKanye, per parlare di razzismo in una storia sudafricana di mele rosse e verdi. Ma anche corti italiani, che affrontano ricordi e  malinconia come Laurora che non vedrò, o di alienazione, come lironico e profondo U Su’, “prestati” dallAssociazione Levante Film Festival di Taranto, con cui è nato un fruttuoso gemellaggio. Corti che parlano di comunicazione, o della mancanza di comunicazione, come A mano libera, di una giovane regista ligure che ha lavorato con lAssociazione Sanremo Cinema e il Teatro del Banchéro di Arma di Taggia. Mini storie che trattano, ancora, la tematica della crescita, o del rispetto per la vita, due chicche danimazione: il nuovissimo Piper, della Pixar, col suo tenero pulcino di piovanello alla scoperta del mondo, e una produzione Disney del 1938 (di cui questanno uscirà il remake in lungometraggio) che racconta del mite Toro Ferdinando, profondamente contrario alla corrida e innamorato delle sue margherite. E ancora il pluripremiato A regola darte, per chiedersi chi siano i veri disabili di questo mondo. E l'altrettanto pluripremiato, pregevole lavoro dell'associazione genovese ZuccherArte, Rincoman, sul triste fenomeno del bullismo nelle scuole.
Non mancheranno momenti conviviali, qualche dibattito in collaborazione con l’Università di Roma, e un evento speciale dedicato a Totò, nel cinquantesimo anniversario della sua scomparsa, curato dalle due Donne De Curtis”  Liliana ed Elena.
Ecco, questo sarà ancora una volta il P.I.F.F.: una festa del cinema, della musica, dei sorrisi e della fantasia, in cui trova spazio ogni sfumatura della bellezza e dellemozione che larte sa regalare.


Ventimiglia, 9 e 11 dicembre, Oratorio di SantAgostino

Sanremo, dal 16 al 22 dicembre, Cattedrale di San Siro, Federazione Operaia, Teatro del Casinò



____________
Pubblicato da Enzo Iorio:

Ultimi post pubblicati:

Ti piace questo post? Condividilo!

domenica 10 dicembre 2017

Il simpatico video degli astronauti che fanno le pizze nello spazio

Tutta colpa di Paolo Nespoli: l'astronauta italiano insegna a fare la pizza ai suoi colleghi della Stazione spaziale internazionale (Iss). Ed è subito "pizza party".

Immagini insolite dallo spazio. L'astronauta italiano Paolo Nespoli ed i suoi colleghi della Stazione spaziale internazionale (Iss), intenti ad appagare un'improvvisa voglia di pizza.
Guarda il video:

____________
Pubblicato da Enzo Iorio:

Ultimi post pubblicati:
Ti piace questo post? Condividilo!
Anche Grazia Deledda ha il suo doodle, ecco i cinque libri che l'hanno resa famosa

Il 10 dicembre del 1927 Grazia Deledda vinse il premio Nobel per la letteratura. Oggi anche Google la celebra con un doodle dedicato.


 - CAFFÈ GUTENBERG - 

Grazia Deledda nacque a Nuoro, in Sardegna, nel settembre del 1871. Apparteneva a una famiglia benestante ed era la quinta di sette fratelli e sorelle. Scrisse molto, raccontando soprattutto i luoghi e la gente della sua amata isola. Nel 1927 fu insignita del più ambito premio letterario internazionale: il Nobel. Questa la motivazione ufficiale degli accademici di Stoccolma: “per la sua potenza di scrittrice, sostenuta da un alto ideale, che ritrae in forme plastiche la vita quale è nella sua appartata isola natale e che con profondità e con calore tratta problemi di generale interesse umano”.
La scrittrice morì per un tumore al seno, il 15 agosto 1936. Sono 5 i suoi romanzi più famosi, ma per conoscere più a fondo la persona, oltre che gli aspetti più nascosti della grande autrice, ci rimane il suo racconto autobiografico rimasto incompiuto, "Cosima, quasi Grazia" che fu pubblicato postumo con il titolo "Cosima".

Ecco i cinque titoli promessi:
1. Canne al vento, 1913
2. La madre, 1920
3. La via del Male, 1896
4. Cenere, 1904
5. Elias Portolu, 1903

Si trovano in qualsiasi biblioteca  ed è molto facile reperirli (gratis) in formato ebook. ;-)
Buona lettura.
E.I.






____________
Pubblicato da Enzo Iorio:

Ultimi post pubblicati:
Ti piace questo post? Condividilo!
Cinema Indipendente Europeo, "The Square" vince altri sei premi

Commedia esilarante sulle vicende del custode di un museo di arte contemporanea, "The Square" si aggiudica ben 6 premi della giuria europea.



 - CAFFÈ GUTENBERG - 
The Square è un film del 2017 diretto da Ruben Östlund. Ha vinto la Palma d'oro al Festival di Cannes 2017.  In Italia dal 9 novembre, il film è stato selezionato per rappresentare la Svezia ai premi Oscar 2018 nella categoria "Oscar al miglior film in lingua straniera". Ieri è stato premiato a Berlino dalla giuria dell'European Film Awards 2017.
Prima data di uscita: 7 settembre 2017 (Russia)
Regista: Ruben Östlund
Lingue: Lingua inglese, Lingua svedese, Lingua danese
Candidature: Premio alla miglior attrice.
Premi: Palma d'oro, European Film Award per il miglior film.


Trama del film [Wikipedia]
Dopo l'abolizione della monarchia svedese, il Palazzo Reale di Stoccolma è diventato un museo d'arte. Christian, il curatore del museo, si trova a gestire uno spazio museale per una nuova Installazione artistica sul tema della fiducia, incentrata su un oggetto, The Square, uno piccolo spazio aperto ma delimitato, di forma quadrata, i cui confini sono tracciati solo per terra, tra le pietre di un pavé. Nel film ricorre più volte una sua definizione come quella di un "santuario" all'interno del quale tutti godono di uguali diritti e obblighi. Dopo aver trovato una società di pubbliche relazioni a cui affidare la promozione dell'evento museale attraverso strategie di marketing virale su Internet e per mezzo dei social network digitali, si verifica una serie di eventi caotici.
Locandina italiana del film

Cast






____________
Pubblicato da Enzo Iorio:

Ultimi post pubblicati:
Ti piace questo post? Condividilo!

venerdì 8 dicembre 2017

Tom Hanks e Maria Callas, il loro "Andrea Chénier" è il più visualizzato

Ieri l'Andrea Chénier firmato da Chailly e Martone ha conquistato La Scala, eppure l'inconsueto duetto tra la Divina e Tom Hanks proposto da Jonathan Demme in "Philadelfia" è incancellabile.



Il grande successo della Prima dell'Andrea Chénier, andata in scena ieri sera a Milano, è l'occasione per rivedere la magistrale interpretazione di Tom Hanks in Philadelfia, il film diretto da Jonathan Demme nel 1983.
In questa inquadratura vediamo solo Tom Hanks e Denzel Washington, ma un ruolo fondamentale è svolto dalla voce sublime di Maria Callas che canta "La mamma morta", uno dei brani chiave dell'Andrea Chénier, opera lirica composta da Umberto Giordano su libretto di Luigi Illica.
Per interpretare questa parte (quella di un giovane avvocato malato terminale di AIDS che viene discriminato e licenziato a causa della sua malattia) Tom Hanks perse dodici chili ma vinse l'Oscar come miglior attore protagonista.
Ecco il video:

Una delle protagoniste della serata milanese di ieri è stata senz'altro la fantastica Anna Netrebko, di cui vi propongo un'interpretazione di qualche anno fa dello stesso brano, in occasione di un concerto svoltosi a Mosca sullo sfondo del Cremlino:




____________
Pubblicato da Enzo Iorio:

Ultimi post pubblicati:
Ti piace questo post? Condividilo!

giovedì 7 dicembre 2017

"Siamo anormali?", la Spes invita alla riflessione

Una serie di iniziative con il sostegno dei Comuni di Ventimiglia, Camporosso e Vallecrosia

“SIAMO ANORMALI?”
Donne e uomini diversamente abili che amano la libertà, la bellezza, la vita

Organizzato da
SPES Onlus e COOPERATIVA SOCIALE

Con il sostegno dei Comuni di Ventimiglia, Camporosso e Vallecrosia


Mercoledì 6 dicembre
“Musica e parole” giornata con i “Ladri di carrozzelle”
ore 10,00 Liceo Aprosio Ventimiglia
ore 21,00 Teatro Comunale Ventimiglia

***
Sabato 16 dicembre
Seminario
“Dai diritti all’esercizio di responsabilità e doveri:
la nuova sfida della disabilità”
dalle ore 8,30 nuova sala conferenze Chiostro S. Agostino

***
Domenica 17 dicembre
Pranzo di Natale
ore 12,30 Seminario Vescovile Bordighera

____________
Pubblicato da Enzo Iorio:

Ultimi post pubblicati:
Ti piace questo post? Condividilo!
"Aiutiamoli a casa loro", il video virale di The Jackal e ActionAid

Ecco i The Jackal nella nuova campagna di Natale per ActionAid: un modo "singolare e ironico per sensibilizzare gli italiani a fare un vero gesto d’Amore"




 - CAFFÈ GUTENBERG - 
Pubblicato su Youtube nella categoria Non profit e attivismo, ecco il video realizzato dal gruppo di giovani attori napoletani per ActionAid, ONG attiva sul fronte della lotta alla povertà. Ma i commenti sotto il video esprimono pareri contrastanti...

Guarda il video:


____________
Pubblicato da Enzo Iorio:

Ultimi post pubblicati:
Ti piace questo post? Condividilo!

venerdì 1 dicembre 2017

Un video per non dimenticare

I ragazzi della Cooperativa di Comunità Brigì di Mendatica ricordano con un video l'alluvione di un anno fa

Circa un anno fa, il 24 novembre 2016, i Comuni di Mendatica e Rezzo nell’entroterra di Imperia e nel Parco Alpi Liguri furono travolti da un forte evento alluvionale che li mise in ginocchio.
Oggi, i ragazzi della Cooperativa di Comunità Brigì di Mendatica guardano avanti con un video che vuole essere un riassunto di questo anno difficile, ma anche ricco di speranza e desiderio di continuare a perseguire un sogno.
Il video è anche un’occasione per ringraziare tutte le persone, le aziende e le associazioni che hanno aiutato la Cooperativa e la comunità a ricominciare, non lasciandoli mai soli e permettendo, anche grazie ad aiuti consistenti, di ripartire e di continuare a progettare un futuro per il territorio.
Da subito tutta la comunità si è rimboccata le maniche e ha lavorato sodo per recuperare in tempi brevi: è stato un anno istruttivo nel quale sono nate iniziative, che continuano tutt’ora, come #replaymonesi, frutto di collaborazioni e contaminazioni tra attori diversi ma tutti legati al territorio.
Ripartire e pensare ad uno sviluppo futuro quando il proprio territorio viene spaccato e travolto da acqua e frane, quando un’intera cultura, quella della civiltà delle malghe, sembra sgretolarsi pian piano (molte malghe non sono più raggiungibili da Mendatica) è difficile, ma quest’anno, grazie al sostegno di molti, si è rivelato comunque un anno di rinascita e innovazione.
Guarda il video:

____________
Pubblicato da:

Ultimi post pubblicati:
Ti piace questo post? Condividilo!
Aspettando la neve ai Forti di Nava

Domenica 3 dicembre, ore 9.00: appuntamento al Forte centrale di Nava.

Domenica 3 dicembre il Centro di Turismo Escursionistico e la Cooperativa di Comunità Brigì di Mendatica vi invitano a visitare luoghi carichi di storia: i Forti di Nava, costruiti dai Savoia a fine ‘800 per controllare e proteggere l’importante valico alpino tra Liguria e Piemonte, Italia e Francia.
La giornata sarà anche l’occasione per fare un’ultima escursione in attesa dell’arrivo della neve.
Itinerario: Nava – Forte Pozzanghi – Boschetti – Madonna dei Cancelli – Colla Allodola – Nava.
Ritrovo: 9:00 a Nava, piazzale vicino al Forte Centrale.
Durata: giornata intera, rientro previsto intorno alle ore 16:00 – Dislivello: + 500 metri – Distanza: 10 km ca.
Equipaggiamento consigliato: scarpe comode, abbigliamento caldo, spuntino e pranzo al sacco.
Quota di partecipazione: € 10,00 (€ 8,00 se già tesserati per la stagione 2017). Eventuale sacchetto pic-nic a base di prodotti della Cucina Bianca (bercolla du pastù): € 8,00. Consigliata la prenotazione.
Info e prenotazioni: CTE Alpi Liguri – iat@mendatica.com – Tel. 0183 38489/338 3045512



____________
Pubblicato da:

Ti piace questo post? Condividilo!

giovedì 30 novembre 2017

Ventimiglia in 3 minuti (video)

Dalle bellezze naturali alle ricchezze storiche, tutto condensato in soli tre minuti.

Video pubblicato da Riviera dei Fiori: "Città di confine che rivela bellezze mozzafiato".
Guarda il video:

____________
Pubblicato da:

Ultimi post pubblicati:
Ti piace questo post? Condividilo!

mercoledì 29 novembre 2017

La Guerra Mondiale al Teatro dell'Albero

Sabato 2 dicembre ore 21,15 lo spettacolo con Violetta Chiarini.

"GUERRA MONDIALE E GUERRETTA METROPOLITANA"
Ultimo appuntamento della Rassegna Teatrale Autunno all'Albero con Violetta Chiarini. Prima assoluta nazionale di un monologo reso possibile dalla collaborazione di due realtà' teatrali, Il Teatro del Violangelo di Casperia (Rieti) e il Teatro Helios di Bordighera diretto da Virginia Consoli. Sul palco Violetta Chiarini, attrice, autrice, cantante, vincitrice di un'edizione del concorso di drammaturgia "La Riviera dei monologhi", diplomata allo studio di Arti Sceniche di Alessandro Fersen.
Lo spettacolo e' diviso in due parti: nella prima parte si rappresenta una storia che si svolge durante la seconda Guerra Mondiale mentre nella seconda si assiste all'odissea tragicomica di una donna alle prese con il traffico di Roma che costringe a dura battaglia per poter circolare nelle strade della capitale. Due situazioni legate dal fil rouge, l'incapacità' di vivere in armonia, di creare la pace. Biglietti a € 10 pre vendite Elio Sport S.Lorenzo al Mare tel.0183 92733 info www.ilteatrodellalbero.it o 347 7302028

____________
Pubblicato da:

Ti piace questo post? Condividilo!

martedì 28 novembre 2017

Ventimiglia ricorda la Prima Guerra Mondiale

Sabato 2 dicembre 2017 - ore 16.30, alla Biblioteca Aprosiana.


VENTIMIGLIA E LA GRANDE GUERRA
Celebrazioni del Centenario

PRESENTAZIONE DEL VOLUME

DAL MARE ALLA TRINCEA...
...uomini sull'Isonzo

Alzani Editore


Sabato 2 dicembre 2017 - ore 16.30
Biblioteca Civica Aprosiana

Piazza Bassi, 1- Ventimiglia

____________
Pubblicato da:

Ti piace questo post? Condividilo!

lunedì 27 novembre 2017

Sanremo, Francesco Musante espone alla Mongolfiera

Sabato 2 dicembre alle ore 18, inaugurazione della mostra personale di Francesco Musante “Se dal cielo piovessero cuori, raccoglierei solo il tuo”.

All'inaugurazione sarà presente l'artista che, per la prima volta, esporrà le sue opere a Sanremo.

La mostra, a cura di Gioia Quicquaro, si propone di trasportare il visitatore all’interno del mondo dell’artista lasciando andar libera la mente attraverso la visione di dipinti, grafiche e teatrini.
Nelle sue opere ricche di fantasia e creatività, Musante ci conquista e sorprende di continuo attraverso le sue storie popolate da personaggi elegantemente vestiti con la tuba sul capo, sassofonisti, circensi, sirene e ferrovieri, ladri di lune e da navi dal fumaiolo sbuffante. All’interno delle opere di Musante troviamo inoltre riferimenti a Chagall, Mirò, Picasso, Hickmet, Neruda, Montale, Ungaretti che diventano complici importanti dell’artista.

Tra i principali artisti liguri viventi, il noto artista genovese ha esposto in Italia e all’estero a livello internazionale; è inoltre autore di libri illustrati, ha collaborato prestando i suoi “personaggi” alla realizzazione della sigla e alle scenografie dello spettacolo televisivo Zelig nel 2007 e nel 2011 ha anche realizzato i bozzetti e le scenografie per la Bohème del Teatro Carlo Felice di Genova.

La mostra sarà visitabile fino al 7 gennaio 2018, tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 20.00, eccetto lunedì mattina e festivi.
Per informazioni telefonare al numero +39 0184 508554 o scrivere a info@gallerialamongolfiera.it


____________
Pubblicato da:

Ti piace questo post? Condividilo!
A Ventimiglia...

Ventimiglia

Teatro