giovedì 20 aprile 2017

PERT, vita e miracoli del partigiano Sandro Pertini

A Ventimiglia il nuovo spettacolo teatrale di Aldo Rape' dedicato al grande presidente Sandro Pertini

Mercoledì 26 Aprile alle ore 21,00 - al Teatro Comunale
E' ovviamente in programma anche a Ventimiglia - Mercoledì 26 Aprile alle ore 21,00 - al Teatro Comunale ad ingresso libero e gratuito, il nuovo spettacolo di “PRIMAQUINTA TEATRO” di Aldo Rapè “PERT – Vita e miracoli del partigiano Sandro Pertini” scritto dallo stesso Aldo Rapè con il fratello Giuseppe e la supervisione alla regia di Lauro Versari.
Con il sostegno e il supporto logistico di “LIBER theatrum”, il patrocinio e il fondamentale contributo del Comune e dell'Assessorato alle Manifestazioni, è stato naturale mettere in calendario, per la messa in scena di uno spettacolo certamente emozionante, anche Ventimiglia, città dal grande valore affettivo per “Il Presidente di tutti gli Italiani” (come lo stesso Pertini amava definirsi) che qui amava fare una sosta quando possibile, per salutare un caro compagno del periodo della Resistenza. La data ventimigliese arriverà dopo la replica di Lunedì 23 Aprile alle ore 18,30 a Nizza, dove Sandro Pertini visse in esilio quasi tre anni, con la messa in scena presso il Teatro del Consolato Generale d'Italia e quella del 25 Aprile alle ore 21,00, in occasione delle celebrazioni del Giorno della Liberazione, fissata a Stella, in provincia di Savona, dove Sandro Pertini nacque nel lontano 1896!
“Pert” è uno spettacolo andato in scena per la prima volta pochissime settimane fa presso il Teatro Comunale “R.Margherita di Caltanissetta” nella stagione 2016/2017, con la Direzione Artistica di Moni Ovadia, che lo ha fortemente voluto e sostenuto e dopo altre date tra cui Belluno e Caserta, ora arriva anche qui al confine tra Italia e Francia, dove Aldo Rapè è sempre molto atteso e gradito ospite, dopo essersi fatto conoscere e apprezzare tantissimo grazie a “MUTU – La legge del silenzio” con cui è stato premiato dalla Stampa francese nel 2013 come miglior spettacolo straniero ad Avignone, il più importante Festival teatrale d'Europa.
Innumerevoli, nell'occasione, i patrocini ricevuti: dal CO.A.L.C.IT e Dante Alighieri (entrambe Associazioni di “Italiani all'estero” di Nizza) alla COOP Liguria Sezione Soci di Ventimiglia; dall'Ass. XXV Aprile/ARCI a A.T.A.PE. di Ventimiglia (Ass. Traansfrontaliera Alessandro Pertini) e ancora l'Istituto Storico della Resistenza di Imperia, le sezioni di Ventimiglia e Bordighera dell'A.N.P.I. (Ass. Nazionale Partigiani d'Italia) e FIVL (Federazione Italiana Volontari per la Libertà).
“PERT – Vita e miracoli del partigiano Sandro Pertini” è dedicato in particolare all’Uomo Sandro Pertini. Un viaggio negli anni caotici e cruenti della Resistenza attraverso il partigiano ligure che un giorno diverrà Presidente. La sua vita come cartina di tornasole della drammaticità che è insita in tutte le grandi scelte dell’esistenza. Un racconto di un uomo di ESEMPIO, in un’epoca dove sono rimasti solo uomini di parole e dove la libertà di parola è divenuta parola in libertà.
Uno spettacolo lungi dal narrare semplicemente le gesta straordinarie di un eroe vissuto in un determinato contesto storico, ma che vuole essere anche e soprattutto una riflessione profonda sui grandi interrogativi dell’uomo di ogni tempo. Il valore della libertà, l’impegno politico come bussola dell’intera esistenza, la coerenza e la fedeltà alle proprie idee come disciplina di vita, l’ascolto obbediente alle voci profonde della coscienza, il sacrificio della propria sfera personale a favore dell’impegno per il bene comune. Un racconto di immagini, suoni, parole sublimate dal linguaggio poetico del teatro.
Il partigiano Sandro Pertini come figura universale di ogni combattente che in ogni tempo e ad ogni latitudine ha avversato la tirannide, l’ingiustizia sociale e l’oppressione. Una cronologia dell’anima narrata attraverso i fatti nodali della vita di Pertini, quelli che hanno determinato i passaggi fondanti di un’intera esistenza, per trarre una lezione per l’oggi. In un momento di grave crisi ideologica dove l’azione politica si è svuotata di riferimenti alti di pensiero per ridursi a becero tatticismo e a convenienza bassa del momento, recuperare la figura di Sandro Pertini può servire da antidoto efficace per un impegno rinnovato di tutti.

Una storia sullo sfondo della “Resistenza” come scenario privilegiato del riscatto morale e civile di un intero popolo. “Resistenza” intesa non solo nell’accezione storica della lotta partigiana al nazi-fascismo in Italia, ma anche nel suo significato di battaglia interiore per rompere gli argini dell’intimismo e del mero soddisfacimento dei propri bisogni personali in favore dell’impegno per la costruzione di un domani migliore per tutti. Un modo per imparare ad essere sempre partigiani. Partigiani nel significato più bello che questa parola può assumere. Il partigiano come uomo di parte, che lungi dall’essere fazioso, professa con coerenza il proprio credo personale, si assume la responsabilità delle proprie scelte, prende posizione e non resta nella vaghezza, sa riconoscere il bene dal male, non si lascia comprare da nessuno. Partigiano come visionario del futuro e non come utilizzatore del presente.
INFO: 3386273449 – liber.theatrum@gmail.com – www.libertheatrum.com

Comunicato stampa

____________
Pubblicato da:

Le più belle fotografie di Ventimiglia

I più letti del mese

A Ventimiglia...

Ventimiglia

Cartoline
Teatro