giovedì 3 agosto 2017

Quel canto d'amore che cresce col caldo

Cicale, quest'anno canteranno più forte e in Francia sarà peggio


Cantano per amore, i maschi delle cicale. Il loro frinìo attira le femmine e chi canta più forte arriva prima allo scopo.
Gli esperti dicono che quest'anno le gare saranno anche più accese, per via delle temperature più alte che gli anticicloni africani stanno esportando alle nostre latitudini. Nel Sud della Francia, dove per lunga tradizione questi insetti hanno eletto il loro habitat preferito, tanto da diventarne il simbolo-souvenir, è quasi allarme. Ci si aspetta un aumento massiccio sia degli esemplari che dei decibel, e le due cose - come abbiamo accennato - si alimentano a vicenda. Molti non le sopportano, le cicale, soprattutto quando cantano in massa e il "rumore" può raggiungere i 90 dB, che è più o meno quello di una sega elettrica! Ma non è colpa loro: quando il termometro tocca i 22°, dei muscoli posti sotto l'addome dell'insetto stimolano dei minuscoli timballi, organi stridulatori che producono il caratteristico "canto"; è automatico. Perché smettano, o quanto meno riducano il volume del loro richiamo erotico, bisogna sperare in un calo delle temperature che, in genere, si verifica dopo le 10 di sera. Ma in questo periodo è piuttosto improbabile, viste le previsioni meteo. Dunque facciamocene una ragione.
D'altra parte parte certi motorini e certi vicini sono di gran lunga più fastidiosi.
Enzo Iorio
____________
Pubblicato da:

Le più belle fotografie di Ventimiglia

Viverer e divertirsi in Liguria

I più letti del mese

A Ventimiglia...

Ventimiglia

Cartoline
Teatro